Le nuove misure governative a favore delle opere pubbliche incompiute

Sono previste misure a sostegno degli Enti Locali per terminare le opere incompiute. Sarà creato anche un fondo ad Hoc per le risorse finanziare da destinare al completamento delle opere pubbliche prioritarie.


Presto saranno definite nuove misure a sostegno degli Enti Locali per portare a termine le opere pubbliche incompiute. Lo ha annunciato il Ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio, il 3 giugno scorso durante il Question Time, rispondendo all'interrogazione posta da Salvatore Matarrese, parlamentare di Scelta Civica.
Delrio ha affermato che il Governo sta elaborando un provvedimento atto a supportare gli Enti locali affinché possano essere superate le criticità procedimentali ed economico-finanziarie determinanti l'incompiutezza delle opere. Inoltre, è prevista la creazione di un fondo ad hoc nel quale verranno stanziate le risorse finanziarie utili al completamento di quelle opere connotate da una prioritaria valenza istituzionale e strategica. In questo senso Matarrese, facendosi portavoce degli intenti di Scelta civica, auspica anche l'intervento di risorse private, attraverso la possibilità di creare una serie di agevolazioni fiscali incentivanti. 

I numeri delle opere incompiute.
Dall'ultimo censimento del 31 dicembre 2013 condotto su tutto il territorio nazionale, sono risultate 692 le opere pubbliche iniziate e mai ultimate. Tra queste ci sono strade, impianti sportivi, ospedali, scuole, parcheggi, aeroporti, per un complessivo di 3,5 miliardi di euro di oneri. Le cause del mancato compimento dei lavori sono ascrivibili per il 51% alla mancanza di fondi, per il 31% alle interruzioni per cause tecniche e per i restante 28% al fallimento dell'impresa esecutrice.
Lazio, Sardegna e Campania sono in testa alla classifica con il maggior numero di opere incompiute presenti nell'ambito dei confini regionali: rispettivamente 82, 68 e 64. Seguono Sicilia (67), Puglia (59), Toscana (43), Basilicata (37), Abruzzo (33), Veneto e Piemonte (25), Emilia Romagna (24), Marche (20), Lombardia (19), Liguria e Molise (18), Umbria (17), Provincia autonoma di Bolzano (14), Friuli-Venezia-Giulia (13), Campania (10), Valle D'Aosta (1).
Secondo quanto espresso dal rappresentante di Scelta Civica, Matarrese, la questione è urgente in quanto il 62% di queste opere è costituito da infrastrutture (scuole, ospedali) che hanno una notevole influenza sulla qualità di vita dei cittadini. 

Sulle tempistiche, il Ministro Delrio ha assicurato che l'elenco delle Opere incompiute è divenuto parte integrante della programmazione triennale e annuale dei lavori pubblici, prevedendo, inoltre, che le amministrazioni aggiudicatrici provvedano all'aggiornamento delle opere di rispettiva competenza che sono state portate a compimento.

I nostri clienti

Compila per supporto tecnico o commerciale, oppure entra nella sezione contatti.

Richiedi subito maggiori informazioni

Inserisci i tuoi dati e ti ricontatteremo al più presto per ogni tipo di informazione.