L’ANAC e le linee guide per il Codice Appalti

Offerta più vantaggiosa, la scelta del direttore dei lavori, il direttore dell'esecuzione e il responsabile unico del procedimento.


L'Autorità Nazionale Anticorruzione (ANAC) ha stabilito le linee guida relative all'offerta più vantaggiosa per la scelta del direttore dei lavori, il direttore dell'esecuzione e il responsabile unico del procedimento. Sono state approvate anche le linee guida per le gare di progettazione, quindi il Codice Appalti è prossimo a diventare operativo. I compiti dei soggetti coinvolti nelle gare saranno definiti dai documenti attuativi del Codice Appalti (D.lgs.50/2016), e fungeranno da bussola per le Stazioni Appaltanti per valutare le offerte.

L'ANAC ha stabilito dei parametri di valutazione secondo i quali devono attenersi le Amministrazioni. Gli elementi su cui devono basarsi le offerte sono: il prezzo; il rating di legalità (che le imprese possono chiedere facoltativamente all'Antitrust); il rispetto delle normative relative alla sicurezza sul lavoro; attenzione all'impatto ambientale; possesso di un marchio Ecolabel e rispetto dei criteri ambientali minimi; apertura ai giovani professionisti. La Stazione Appaltante terrà conto del rispetto di questi parametri. In seguito l'ANAC provvederà a stabilire le linee guida sul rating di impresa, una sorta di patente a punti, che sarà obbligatorio e attribuirà un punteggio iniziale, che potrà essere decurtato in caso di irregolarità.

L'ANAC, mediante due diverse linee guida, stabilisce i compiti del direttore dei lavori e del direttore dell'esecuzione, che devono avere le giuste competenze e dialogare per iscritto con i loro collaboratori. Secondo tali linee guida, i pagamenti devono essere versati alle imprese entro 30 giorni dal rilascio del certificato di pagamento ad opera del responsabile unico del procedimento (RUP). Il direttore dei lavori, per evitare conflitti di interesse, dovrà indicare eventuali rapporti con l'affidatario. Il direttore dell'esecuzione solitamente coincide con il responsabile unico del procedimento, in caso contrario dovrà comunicare al RUP l'andamento dell'esecuzione del contratto ed eventuali contestazioni tecniche, proponendo le correzioni opportune al contratto.

Il RUP svolgerà la funzione di project manager, quindi dovrà avere il titolo di studio richiesto ed esperienza professionale accertata. I lavori più complessi richiedono un grado di specializzazione e qualificazione più elevato, che sarà valutato di volta in volta dalla Stazione Appaltante.

Attualmente mancano all'appello rating di impresa, contratti sotto la soglia comunitaria, commissioni giudicatrici, monitoraggio dei contratti di partenariato pubblico provato e illeciti professionali.


I nostri clienti

Compila per supporto tecnico o commerciale, oppure entra nella sezione contatti.

Richiedi subito maggiori informazioni

Inserisci i tuoi dati e ti ricontatteremo al più presto per ogni tipo di informazione.