Decreto Legislativo sui materiali


Il Decreto Materiali è legge. 
Passati i trenta giorni dalla pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale del 10 luglio 2017, quindi dal 9 agosto 2017, sono aumentate le responsabilità per i progettisti e i fabbricanti che prescrivono materiali da costruzione non armonizzati alle direttive CE.
 
Progetti, materiali e collaudi dal 9 agosto dovranno essere conformi sia alla direttiva del Parlamento Europeo UE 305/2011 sia a quelle del Consiglio dei LLPP.
 
Maggiori responsabilità per i progettisti
Con l’entrata in vigore del D.Lgs. n. 106/2017, dal 9 agosto, il costruttore, il progettista, il direttore dei lavori, il direttore dell’esecuzione o il collaudatore, ognuno secondo la propria competenza, saranno tenuti a rispettare l’obbligo di impiego di prodotti da costruzione contenuti nel Regolamento UE. Per la prima volta scattano le sanzioni “professionali” al di fuori del contesto del “diritto penale”. 
 
Adempimenti del fabbricante all’origine
In base al D.Lgs. n. 106/20176, il fabbricante dovrà certificare, redigendo una apposita dichiarazione, la prestazione del prodotto secondo le nuove direttive. Caso contrario, se viola tale disposizione, sarà soggetto a sanzione.
 

I nostri clienti

Compila per supporto tecnico o commerciale, oppure entra nella sezione contatti.

Richiedi subito maggiori informazioni

Inserisci i tuoi dati e ti ricontatteremo al più presto per ogni tipo di informazione.