Bando Periferie, le spiegazioni dell'Anci: scadenze e finanziamenti

Il progetto è rivolto sia a soggetti pubblici che privati per strutture di pubblico interesse


In riferimento al Bando Periferie per il settore edile, l'Anci comunica, attraverso un documento FAQ, emesso il 15 giugno scorso, che il progetto è rivolto sia a soggetti pubblici che privati, dal momento che gli interventi possono comprendere anche strutture private di pubblico interesse. Per accedere al Bando bisogna innanzitutto presentare una scheda informativa dei soggetti privati che cofinanziano il progetto, indicando l'investimento finanziario previsto, le intese e gli accordi sottoscritti.
Nel caso in cui è prevista la partecipazione di soggetti privati bisogna agire secondo procedure di evidenza pubblica. È possibile finanziare i progetti che mirano alla promozione di attività sportive, che rientrano nelle tipologie previste nell'art. 4, comma 3, lettere b) ed e). Sono quindi compresi: progetti di manutenzione, riuso e rifunzionalizzazione delle aree pubbliche e delle strutture edilizie esistenti, con finalità di interesse pubblico, progetti che promuovono la mobilità sostenibile e favoriscono l'adeguamento delle strutture destinate ai servizi sociali, educativi, culturali e didattici, ed alle attività educative e culturali promosse da soggetti privati e pubblici.

 

Inoltre il Bando Periferie nello specifico finanzierà anche l'accrescimento della sicurezza territoriale e della capacità di resilienza urbana, compreso il potenziamento delle prestazioni e dei servizi su scala urbana, tra cui lo sviluppo di pratiche del servizio civile e del terzo settore, favorendo l'inclusione sociale e la realizzazione di nuovi modelli di welfare urbano e metropolitano. Si possono presentare al Bando Periferie proposte che riguardano interventi già candidati al Piano Nazionale, volti alla riqualificazione sociale e culturale di quelle aree urbane degradate (DPCM 15 ottobre 2015). Se verranno ammessi a finanziamento sul Piano, tali interventi decadranno totalmente o solo in parte dall'eventuale finanziamento del Bando Periferie. 

L'iter da seguire per godere dei benefici del Bando Periferie è il seguente: i progetti devono essere presentati entro 90 giorni dalla pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, quindi entro il 30 agosto 2016. Nell'arco dei successivi 90 giorni, quindi entro il 28 novembre 2016, i lavori dovranno essere completati dal Nucleo di valutazione. Alla conclusione dei lavori del Nucleo di valutazione, ci sono 30 giorni a disposizione (28 dicembre 2016) per procedere alla stipula delle convenzioni e/o degli accordi del programma con i soggetti che sono stati ammessi al finanziamento.

I nostri clienti

Compila per supporto tecnico o commerciale, oppure entra nella sezione contatti.

Richiedi subito maggiori informazioni

Inserisci i tuoi dati e ti ricontatteremo al più presto per ogni tipo di informazione.